Autore: GM

On / by GM / in Letture

Cento di questi anni!

Cento di questi anni è il titolo di un bel video-racconto realizzato da Daniela Riccardi.

Napoli, quartiere Vomero. In uno stesso parco vivono tre centenari. A bussare alla loro porta è proprio Daniela Riccardi, intenzionata a raccontare come lei sa fare – unendo cioè le competenze di giornalista, di sceneggiatrice e di documentarista – tre storie legate dalla forza dell’età, di un’età davvero importante, cui si rende omaggio in maniera delicata ed originale. In questi casi, infatti, il rischio di cadere nella banalità narrativa è sicuramente molto alto. In altre parole: trovarsi dinanzi ad un centenario e cedere alla tentazione di domandargli il segreto della longevità, dello stare bene e del mantenersi in forma, è cosa piuttosto normale, umana forse, ma al tempo stesso pure scontata e professionalmente sconveniente. Continue reading

On / by GM / in Altro

Ricorderemo il mondo attraverso il cinema.
(Bernardo Bertolucci)

On / by GM / in Politica

Purché non si tratti di trenta denari…

Tra i difetti geneteci dell’Amministrazione cittadina di Gesualdo (AV) v’è innegabilmente quello di pubblicare le delibere consiliari con estremo ritardo rispetto alle riunioni di Consiglio. L’emergenza Covid-19, dunque, non c’entra nulla se soltanto ieri (29 aprile) è stata resa nota sull’albo pretorio – insieme alle altre – la delibera consiliare n. 2  dell’11 febbraio scorso.

Inutile spiegare che più si ritarda la pubblicazione di una delibera più il brogliaccio della riunione finisce con l’essere confuso e monco, giacché privo del necessario sostegno derivante dalla memoria. Questa infatti rischia di presentarsi sbiadita alla meta, penalizzando il ruolo proprio e tipico dei verbali, di qualunque tipo di verbale. 

Continue reading

On / by GM / in Altro

Le piccole spese son quelle che vuotan la borsa.
(Proverbio)

On / by GM / in Letture

Carlo Gesualdo, ovvero viaggio verso l’isola che non c’è.

Non sarà un caso se due autorevoli esponenti della letteratura contemporanea, Gustaw Herling e Andrea Tarabbia, dovendo immaginare un espediente narrativo per affrontare il complesso mondo di Carlo Gesualdo, abbiano deciso di utilizzare il pretesto del viaggio: il viaggio che lo stesso Herling compie alla volta di Gesualdo, l’antico feudo irpino del principe madrigalista, e il viaggio di Igor Stravinsky descritto da Tarabbia, il quale farà sì che il celebre maestro russo – visitando una libreria antiquaria di Napoli – acquisterà un strano manoscritto, dando avvio ad un bellissimo romanzo vincitore del Premio Campiello (> clicca qui). Continue reading

On / by GM / in Altro

La musica è per l’anima ciò che la ginnastica è per il corpo.
(Platone)

On / by GM / in Politica

Quando lo Stato ci chiama ad essere giudici dei bisognosi.

A seguito del “soccorso alimentare” varato dal governo, i comuni italiani sono stati chiamati ad organizzarsi in fretta affinché gli aiuti di Stato potessero raggiungere subito i cittadini bisognosi. Ai sindaci quindi è stato demandato un compito delicatissimo: stabilire in totale autonomia tempi e modalità di consegna degli aiuti. In totale autonomia sì, giacché è prevalso il principio – assai comodo in fasi d’emergenza – secondo cui i sindaci sono le persone più adatte ad interpretare le esigenze delle comunità amministrate, data la conoscenza approfondita che i primi hanno delle seconde. Di qui una frastagliata geografia delle iniziative assunte. Continue reading

On / by GM / in Altro

Gli uomini, per essere liberi, è necessario prima di tutto che siano liberati dall’incubo del bisogno.
(Sandro Pertini)

On / by GM / in Letture

Trentasei passi.

Vivere chiuso dentro una stanza per quarantadue giorni. Dicono oggi: è una follia! Essere privati della libertà di uscire a piacimento. Dicono oggi: c’è da diventare matti!

E se, invece, se ne approfittasse per imparare a vedere le cose in maniera diversa, per accrescere il potere e la facoltà di essere là dove si vuole, là dove cioè non si può essere altrimenti? Continue reading

On / by GM / in Altro

Se vi fosse stato un ballo nella camera vicina, ove pure vi fossi stato chiamato dal suono dei violini e delle chiarine, non avrei mosso un passo.

(Xavier de Maistre)